Piantare pomodori: come e quando (2022)

Il pomodoro è senza dubbio uno dei grandi protagonisti dell’orto estivo: si tratta di una delle specie orticole più diffuse e regala grandissime soddisfazioni al coltivatore.

Per mettere nel proprio orto i pomodori in genere non conviene seminare i semini direttamente in campo, molto meglio far crescere la piantina in vasetto e poi trapiantarla in terra, in questo modo possiamo anticipare la semina. Chi non ha confidenza con il semenzaio invece può comprare la piantina già pronta in vivaio.

Piantare pomodori: come e quando (1)

Il momento del trapianto in genere avviene tra aprile e maggio ed è abbastanza delicato, visto che la pianta deve acclimatarsi in un ambiente totalmente nuovo. Ci sono una serie di semplici accorgimenti che aiutano e possono limitare lo shock da trapianto, scopriamoli.

Indice dei contenuti

  • Un video su come piantare
  • Le piantine di pomodoro
    • Come scegliere la piantina giusta
  • Quando piantare i pomodori nell’orto
  • Preparare il terreno
  • Come si trapianta
    • Sesto d’impianto dei pomodori
  • Cure dopo il trapianto

Un video su come piantare

Le piantine di pomodoro

Il pomodoro (solanumlycopersicum) è una pianta della famiglia delle solanacee, stretta parente di peperoni, patate e melanzane.

Per avere piantine di pomodoro da piantare abbiamo tre modi:

  • Ottenere la piantina partendo dal seme (come spiegato nell’articolo sulla semina dei pomodori).
  • Fare radicare una femminella di pomodoro, questo richiede di avere una pianta già formata. Durante la coltivazione quando si esegue la sfemminellatura possiamo decidere di fare una talea con il rametto rimosso.
  • Acquistare la piantina in vivaio.

Come scegliere la piantina giusta

Visto che moltissimi per comodità o mancanza di tempo comprano le piante è utile qualche consiglio su come scegliere la pianta, in modo da comprare piantine in ottima salute.

Osservando le piantine in vivaio dobbiamo in primo luogo verificare che siano ben dritte, con un fusto robusto e foglie verdi. Verifichiamo in particolare le foglioline basali (quelle più in basso) che sono le prima a ingiallire in caso di stress della pianta.

Anche un’occhiata al terriccio è utile: se vediamo muffe meglio evitare l’acquisto.

Infine sarebbe bene verificare le radici: dovrebbero essere bianche e non in eccessivo groviglio. Meglio comprare una pianta piccola che una che è stata troppo tempo in vaso.

Approfondisci: scegliere una piantina

Quando piantare i pomodori nell’orto

La pianta di pomodoro ha il suo clima ideale a 20-25 gradi e soffre il freddo eccessivo, temperature sotto ai 13 gradi possono danneggiare la pianta fino a farla morire.

Per questo motivo è fondamentale piantare i pomodori nel periodo giusto, in modo che il loro periodo a dimora in campo coincida con i mesi più caldi dell’anno, in cui non si avranno temperature troppo basse.

In genere per coltivare pomodori in Italia si trapiantano tra aprile e maggio. Dove il clima è mite oppure sotto tunnel si può piantare anche a marzo, mentre posticipare a giugno va bene comunque anche se si rischia di accorciare il periodo di raccolta.

Il trapianto va fatto idealmente in giornate in cui il terreno è “in tempera”, ovvero non troppo secco e neppure fradicio e quindi fangoso.

Preparare il terreno

Il terreno dove piantare pomodori deve essere preparato accuratamente, prima di effettuare il trapianto. I lavori da fare sono i classici dell’orto: una buona vangatura, la concimazione, una zappettatura per affinare la superficie, infine una passata di rastrello per livellare.

Questo lavoro ha due obiettivi principali:

  • Rendere il suolo drenante, evitando ristagni d’acqua. Questo è importantissimo per prevenire malattie fungine, come la temuta peronospora dei pomodori.
  • Predisporre i nutrimenti di base che serviranno alla pianta e la sostanza organica ammendante che migliora le caratteristiche del suolo, con una buona concimazione di fondo (a questo proposito si può leggere l’approfondimento sulla concimazione dei pomodori).

Meglio preparare il suolo 10-15 giorni prima del momento del trapianto.

Come si trapianta

Piantare pomodori: come e quando (3)

(Video) QUANDO piantare i POMODORI - TUTTO QUELLO CHE DEVI SAPERE

Consiglio prima di piantare di acclimatare le piantine, lasciandole uno o due giorni all’aperto, in modo che prendano familiarità col clima esterno.

Prima di trapiantare può essere utile anche predisporre le canne di sostegno che serviranno come tutore al pomodoro sviluppato, anche se non servono subito meglio piantarli adesso, visto che facendolo in seguito si potrebbero danneggiare le radici della pianta.

L’operazione di trapianto è molto semplice: si scava una buchetta (ci si può aiutare con apposita palettina o piantatore a punta), che ospiterà la piantina con il suo pane di terra.

Si toglie la piantina dal vasetto con molta delicatezza, cercando di evitare di rompere radici o fusto tirando. Se abbiamo le piante di pomodoro nei classici contenitori alveolati può essere utile premere dall’esterno i bordi del contenitore.

Mettiamo la piantina nella buchetta e compattiamo la terra sui bordi, avendo cura che il colletto della pianta sia al livello del suolo e che il nostro giovane pomodoro sia ben dritto.

Se dobbiamo piantare molte piantine risulta utile avvalersi di un trapiantatore, che velocizza il lavoro.

Approfondisci: trapiantare una piantina

Sesto d’impianto dei pomodori

La distanza da tenere tra le piante di pomodoro è molto variabile: dipende dal tipo di pomodori (se a crescita determinata o indeterminata) e al tipo di sostegno scelto.

In genere tra le piante si tiene una distanza variabile tra i 40 e i 70 cm, mentre tra le file consideriamo uno spazio indicativamente tra i 70 e i 120 cm.

Cure dopo il trapianto

Dopo aver trapiantato le piantine non abbiamo certo finito i nostri lavori, anzi: la cura dei pomodori è appena cominciata.

Nel periodo in cui la pianta è giovane:

  • Irrigare costantemente la terra. Fino a che il pomodoro non si radica è importante non far mancare mai l’acqua.
  • Fare attenzione alle lumache, evitando che vengano a mangiare le giovani piantine.
  • Controllare le erbe infestanti, per evitare che sottraggano risorse alle piante.
  • Può essere d’aiuto predisporre una pacciamatura, coprendo il suolo tutto intorno alla pianta con paglia.

Più avanti bisognerà preoccuparci che la pianta cresciuta sia adeguatamente sostenuta dai tutori, legandola periodicamente, effettuare la sfemminellatura, controllare eventuali parassiti e malattie. Abbiamo descritto le varie cure colturali nell’articolo sulla coltivazione del pomodoro.

Lettura consigliata: la coltivazione del pomodoro

Articolo di Matteo Cereda

Piantare pomodori: come e quando (4)

Altre letture interessanti:

  • Le migliori varietà di pomodoro da coltivare
  • Come si coltiva il pomodoro
  • Origini e storia del pomodoro
  • Marciume apicale: curare il "culo nero" del pomodoro

Matteo Cereda2021-05-25T09:33:56+02:00

Condividi questo articolo:

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppPinterestEmail

26 Commenti

(Video) COME E QUANDO PIANTARE I 🍅POMODORI🍅
  1. Salvatore 11 Aprile 2020 al 16:04

    Buongiorno se non ci fanno andare nell’orto questanno non mettiamo niente grazie

    • Matteo Cereda 11 Aprile 2020 al 21:22

      Sono d’accordo, ho scritto una lettera aperta al governo su questo tema. Purtroppo senza ricevere risposta.

  2. Giovanni Bellai 11 Aprile 2020 al 18:12

    Mi piacerebbe coltivare i pomodori, li avevo seminati sotto velo, ma se son0 nati ora saranno diventati paglia. Purtroppo non ci permettono di frequentare gli orti. Buona Pasqua

  3. Luca 11 Aprile 2020 al 20:43

    Articolo molto interessante e chiaro.

  4. Sebastiano 12 Aprile 2020 al 0:11

    Come fare per coltivare l’orto se per il Covid 19 non ci fanno andare in campagna? Premetto che si va da soli in macchina, si lavora da soli e, si torna da soli. Quindi non si hanno contatti. Ma al governo queste cose non le sanno e, non fanno le leggi opportune.

    • Matteo Cereda 13 Aprile 2020 al 0:41

      Ciao Sebastiano, ti capisco… ho scritto una lettera aperta al governo per segnalare questo tema. La lettera ha girato molto su web e giornali, ma non ha ricevuto risposta.

  5. Giuseppe 12 Aprile 2020 al 8:21

    È vero che questo è il periodo giusto ma pultroppo non mi è possibile andare nell’orto visto le ordinanze ho piantato le patate la cipolla l’insalata e non so nemmeno che fine hanno fatto

  6. Nicola 12 Aprile 2020 al 22:22

    Buono l’articolo chiare le indicazioni

  7. Michela Novarin 13 Aprile 2020 al 7:59

    (Video) Cos'è il Pomodoro Siccagno e perché è buono?

    Buongiorno, che concime posso mettere nel terreno prima di piantare le piantine di pomodoro e altro.

    • Matteo Cereda 13 Aprile 2020 al 15:04

      ciao Michela, il letame va benissimo. Se vuoi approfondire vedi l’articolo dedicato alla concimazione dei pomodori, lo trovi linkato nel post qui sul trapianto.

  8. Andrea 15 Aprile 2020 al 12:43

    Ciao se ho messo troppi semi in un solo vasetto quando è meglio diradare le piantine? Sono datterini. Grazie

  9. ALESSANDRO LIOI 24 Aprile 2020 al 14:14

    bene , bravi. OTTIMO sulla DESCRIZIONE DELE VARIE OPERAZIONI. di facile comprensione

  10. Elisa Pintaldi 29 Novembre 2020 al 20:26

    Ciao,
    Io non ho capito bene una cosa: Appena la piantina è pronta nel semenzaio, la devo trasferire in un vaso e poi a terra?

    • Matteo Cereda 30 Novembre 2020 al 12:26

      Ciao Elisa. Puoi scegliere di seminare in seminiera (una vaschetta dove metti tanti semini) e da lì ripicchettare in vaso, oppure puoi seminare in vasetto e tenere la piantina in quel vasetto fino al momento di metterla in campo. Se passa troppo tempo e il vasetto è piccolo serve comunque un trasferimento in vaso piùgrande ma se calcoli bene i tempi puoi evitarlo.

  11. Pino 18 Dicembre 2020 al 12:53

    Nel mio piccolo orto mi piacerebbe coltivare qualche fila di pomodori e delle zucchine (trombetta di Albenga),… purtroppo l’orto è piccolino e per una questione di “esposizione” (non c’è sole ovunque) ho necessità di mettere a dimora queste piantine ogni anno nella stessa zona.
    So bene che si tratta di piante molto energivore e sarebbe meglio effettuare delle “rotazioni”,… come detto non mi è possibile perciò avrei pensato a una soluzione che però non so fino a che punto potrebbe funzionare.
    L’idea sarebbe quella di alternare Pomodori e Zucchine con Fave/Piselli, lasciando poi le radici delle leguminose nel terreno (una volta raccolte) e il resto delle piante tritato e lasciato sul terreno come pacciamante, magari aggiungendo anche del compost e facendo seguire le concimazioni solitamente previste
    Leggo ovunque che le leguminose sono miglioratrici del terreno ma non so se può bastare
    Mi piacerebbe avere un parere e se possibile un consiglio
    Grazie molte

    • Matteo Cereda 19 Dicembre 2020 al 20:40

      Rispetto alle sostanze del terreno è corretto che i legumi apportano (in particolare azoto) e poi puoi supplire con opportune concimazioni (compost, letame).
      Un problema che puoi avere ripetendo le stesse piante sono le malattie: ad esempio se tu un anno hai un po’ di peronospora sui pomodori, le spore patogene svernano nel suolo e quindi l’anno successivo rischi di vedersi ripresentare la malattia in forma più grave.

  12. Silvestrin Fioravante Dante 15 Marzo 2021 al 17:50

    Buongiorno, sono Dante e vorrei sapere se si possono trovare piantine di pomodoro senza semi ed eventualmente dove. Grazie

    (Video) Come piantare i pomodori nell'orto
    • Matteo Cereda 16 Marzo 2021 al 8:35

      ciao Dante, non so aiutarti. Pomodori senza semi non è un’idea che mi piace molto e per questo non ne ho mai cercati.

  13. bruno 11 Aprile 2021 al 13:25

    Chiarissimo su tutto, ho solo una domanda da porre: oggi 11 aprile ho messo a dimora le piantine di pomodoro innestate. Ma dopo quanto tempo è necessario concimare il terreno?

    • Matteo Cereda 13 Aprile 2021 al 12:23

      Dipende dal tipo di terreno, impossibile dare una regola generale. Se non hai concimato, fallo subito. Se hai fertilizzato bene con una concimazione di fondo all’impianto praticamente non hai bisogno di concimare, magari qualche macerato fertilizzante tra un mese. Se hai un terreno povero e magari sabbioso (che non trattiene nutrienti molto bene) è opportuno intervenire più volte.

  14. Rocco 1 Maggio 2021 al 20:38

    Le informazioni presenti sul sito sono sempre molto interessanti, nel caso specifico non è molto chiara la distanza che deve esserci fra una pianta e l’altra, in quanto non si capisce se si fa riferimento alla distanza fra file o tra pianta e pianta. Ritengo che quanto indicato si riferisca alla distanza fra file.

    • Matteo Cereda 25 Maggio 2021 al 9:33

      Ciao Rocco e grazie, le distanze sono tra file 70-120 cm, tra piante 40-70 cm, ora specifico meglio anche nell’articolo. Molto variabile perché ci sono varietà nane che restano contenute e altre decisamente più esuberanti che chiedono distanze maggiori.

  15. tiziana 18 Maggio 2021 al 15:45

    Bell’articolo, Grazie! Io avrei bisogno di sapere COME DISTINGUERE i vari tipi di pomodoro dalle foglie, poiché mi hanno regalato Devine di piantine, ma io ospiti SOLO ciliegino e datteri i (gli unici che consumo) e non so come selezionarli. Purtroppo gli altri tipi o si ammalano o comunque non hanno la stessa produttività e durata .. non so se sia una richiesta che possa trovare risposta… A mio parere non è semplice.

    • Matteo Cereda 20 Maggio 2021 al 20:45

      Ciao Tiziana, mi spiace non saperti aiutare. Personalmente non mi sono mai posto il problema di distinguere le piante di pomodoro dalla foglia. Lascio la tua domanda sperando che qualche utente possa darti indicazioni, ma temo che non sia semplice come già ipotizzi.

  16. Roberto 25 Aprile 2022 al 7:26

    Ringrazio per i suggerimenti, molto dettagliato .

Scrivi un commento

(Video) COME PRELEVARE E CONSERVARE I SEMI DEL POMODORO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pensi che coltivare i pomodori sia difficile? ☝ Non lo saprai se non provi ➡️ Controlla come coltivare i pomodori e come curarli.

Fonte:latimes.com/health/la-hm-planting-tomatoes-20170315-story.html La coltivazione di pomodori da semi inizia con la preparazione di piantine di pomodoro .. Se le gelate primaverili sono persistenti, non c’è bisogno di affrettarsi, perché non sarà comunque possibile piantare le piantine di pomodoro nel terreno.. Il momento giusto per piantare i pomodori è quando le temperature si stabilizzano e rimangono al minimo di 13-15°C (55,4-59 F) - sia di giorno che di notte.. Si consiglia di piantare le piantine di pomodoro ad almeno 40-50 cm di distanza l’una dall’altra.. A seconda del tipo di pomodori che scegliete, alcuni di essi richiedono l’uso di attrezzi da giardinaggio e canne, in modo che le piante non si adagino sul terreno.. potatura - si fa in modo che le piante producano frutti e i pomodori siano più grandi e più saporiti, topping - la parte superiore del ramo principale viene rimossa, il che accelera il processo di maturazione.. botrytis - di solito appare se la pianta cresce in un terreno troppo umido, peronospora - di solito appare se i pomodori sono piantati da patate, il che non è raccomandabile (se si verifica, si può combattere con esso utilizzando spray di tè di equiseto o liquame di ortica, ma non sono sempre efficaci).. Le azioni di base per prevenire le malattie dei pomodori riguardano, prima di tutto, la scelta accurata delle piante che crescono in giardino, il controllo del terreno e la corretta cura dei pomodori.. Potete piantare i pomodori all'esterno non appena il rischio di gelate scompare, e le temperature rimangono sui 13-15°C (55.4-59 F) - sia di notte che di giorno.

Piantare pomodori è un compito divertente e gratificante, che si traduce in grandi quantità di pomodori freschi e nutrienti, hanno un sapore

Piantare pomodori è un compito divertente e gratificante, che si traduce in grandi quantità di pomodori freschi e nutrienti , hanno un sapore migliore di qualsiasi cosa si possa acquistare nei negozi.. Se la siccità estiva è comune nella tua zona, o tendi a dimenticare di annaffiare, usa tubi di irrigazione, irrigazione a goccia o altre tecniche di siccità per aiutare a mantenere uniforme l’umidità del suolo.. La prima cosa da capire su quando piantare i pomodori è che i pomodori sono piante da clima caldo .. Mentre molte persone cercano di piantare i pomodori il prima possibile , il fatto è che questo metodo non produrrà un pomodoro in precedenza ed espone anche la pianta di pomodoro a gelate tardive inaspettate, che potrebbero uccidere la pianta.. Il primo segno che è il momento giusto per piantare i pomodori è quando la temperatura notturna rimane costantemente al di sopra di 10 C . Le piante di pomodoro non daranno frutti fino a quando la temperatura notturna raggiunge 15 C., quindi piantare le piante di pomodoro quando la temperatura notturna è di almeno 10 C. daranno loro abbastanza tempo per maturare un po’ prima di fruttificare.. Idealmente, la temperatura del suolo per il momento migliore per piantare pomodori è di 16 C.. Un modo semplice e veloce per sapere se il terreno è abbastanza caldo per piantare piante di pomodoro è infilare un dito nel terreno.. Se coltivi pomodori a cordone, avrai bisogno di un paletto, come una canna di bambù, per sostenere la pianta, e dovrai pizzicare i germogli laterali per mantenere la pianta fruttifera su uno stelo centrale.. Una piccola piantina può raggiungere un’altezza sorprendente di 3 metri e avrà bisogno di almeno un metro cubo di terreno.. Gli ibridi, d’altra parte, sono combinazioni di due o più diverse piante di pomodoro, allevate insieme per caratteristiche come la resistenza alle malattie o la forma uniforme.. Piantare le piantine di pomodoro in vasi con terriccio Pianta le giovani piantine in profondità in un terreno ricco di sostanze nutritive .. Raccolto di pomodori freschi coltivati nell’ortoUn modo semplice per capire se la tua pianta ha bisogno di acqua è infilare le dita nel terreno.. In natura, le piante di pomodoro vagano lungo il terreno, ma quando vengono coltivate verticalmente nei giardini domestici, richiedono il supporto fisico di pali, tralicci o gabbie.

Una guida pratica per imparare come coltivare i pomodori nel tuo orto, quale varietà scegliere in base a clima e terreno, come seminarle e concimarle.

Oltre che a essere indispensabile per la nostra tavola, grazie alle sue numerose tipologie ed ai numerosi utilizzi in cucina, le piante di pomodoro sono quelle che danno più soddisfazione; e poi volete mettere la soddisfazione di coltivarlo direttamente e a raccoglierlo con le vostre mani?. Esistono tantissime varietà di pomodori , quindi la prima cosa da fare e scegliere quella che preferite come sapore o che sapete di utilizzare più spesso in cucina.. La polpa di questo pomodoro rimane “soda” e questa caratteristica lo rende adatto soprattutto all’utilizzo in passate al pomodoro e sughi (è perfetto, per esempio, per il ragù).. Inoltre, la terra dove metterete i vostri pomodori deve essere correttamente preparata ad accogliere le piantine: condizione fondamentale per avere una pianta che cresca sana e rigogliosa di frutti.. Quindi, lavorate bene la terra e fatela “arieggiare”; poi, arricchitela di nutrienti e di sostanze organiche: molto bene il letame maturo circa 2,5 kg ogni mq; cercate di mantenere la terra ben drenata per non avere ristagni d’acqua che tendono a favorire malattie della pianta.. Questo ortaggio per germogliare ha bisogno di una temperatura di almeno 15/20 gradi, mentre le temperature sotto i 5 gradi interrompono la crescita.. Nonostante la pianta di pomodoro sopporti molto bene le temperature alte, questo è comunque un buon modo per prevenire bruciature.. rimuovete con cautela la pianta dal contenitore cercando di estratte il tutto in un unico blocco in modo da non danneggiare le radici posizionatela nella buca, sotterrate poco più di metà pianta nel terreno con terra e terriccio e bagnate leggermente compattate il terreno intorno alla base della pianta.. Ma se non riuscite a irrigare i pomodori in maniera costante ricordate questa regola generale: i pomodori hanno bisogno di poche ma fondamentali cure ma è importante che il terreno sia sempre umido (non zuppo) e l’irrigazione sia più frequente nei periodi più caldi.. Un trucco è quello di applicare, quando la pianta ha raggiunto una determinata altezza, della paglia o dell’erba secca attorno alla pianta.. La concimazione è importante sia in fase di semina/trapianto, sia in fase di crescita e produzione della pianta.. Le vostre bellissime piantine di pomodori germoglieranno in un paio di settimane circa, mentre i primi pomodori saranno pronto per essere raccolti dopo 2/3 mesi circa.. La pianta di pomodoro , raggiunta una certa altezza, ha bisogno di un supporto.. Se userete i pomodori per fare la conserva, la raccolta dovrà essere effettuata a maturazione completa, con pomodoro bello rosso; mentre per la vostra tavola si potrà raccogliere anche prima, a pomodoro verde-rosato.

Una guida pratica per imparare come coltivare i pomodori nel tuo orto, quale varietà scegliere in base a clima e terreno, come seminarle e concimarle.

Può anche essere utilizzato:. La polpa di questo pomodoro rimane “soda” e questa caratteristica lo rende adatto soprattutto all’utilizzo in passate al pomodoro e sughi (è perfetto, per esempio, per il ragù).. Ottimo nelle insalate.. Sole e calore sono le basi per coltivare le piante di pomodoro .. Il periodo di semina dei pomodori varia da metà febbraio a metà marzo circa, quando le temperature si sono stabilizzate.. Tra una buca e l’altra lasciate uno spazio di circa 50-100 cm, perché questo spazio vi servirà poi per passare, innaffiare, togliere le erbacce e raccogliere.. rimuovete con cautela la pianta dal contenitore cercando di estratte il tutto in un unico blocco in modo da non danneggiare le radici posizionatela nella buca, sotterrate poco più di metà pianta nel terreno con terra e terriccio e bagnate leggermente compattate il terreno intorno alla base della pianta.. La pianta di pomodoro , raggiunta una certa altezza, ha bisogno di un supporto.

Una guida pratica per imparare come coltivare i pomodori nel tuo orto, quale varietà scegliere in base a clima e terreno, come seminarle e concimarle.

Può anche essere utilizzato:. La polpa di questo pomodoro rimane “soda” e questa caratteristica lo rende adatto soprattutto all’utilizzo in passate al pomodoro e sughi (è perfetto, per esempio, per il ragù).. Ottimo nelle insalate.. Sole e calore sono le basi per coltivare le piante di pomodoro .. Il periodo di semina dei pomodori varia da metà febbraio a metà marzo circa, quando le temperature si sono stabilizzate.. Tra una buca e l’altra lasciate uno spazio di circa 50-100 cm, perché questo spazio vi servirà poi per passare, innaffiare, togliere le erbacce e raccogliere.. rimuovete con cautela la pianta dal contenitore cercando di estratte il tutto in un unico blocco in modo da non danneggiare le radici posizionatela nella buca, sotterrate poco più di metà pianta nel terreno con terra e terriccio e bagnate leggermente compattate il terreno intorno alla base della pianta.. La pianta di pomodoro , raggiunta una certa altezza, ha bisogno di un supporto.

Il pomodoro è uno dei frutti più consumati dall'uomo in tutto il mondo. 

Irrigazione a goccia NASUM, Kit di irrigazione 138 Pezzi, Sistema di irrigazione fai da te, Irrigazione automatica Sistema per Giardino Serra Impianto 【FACILE INSTALLAZIONE FAI DA TE】 – Questo kit di irrigazione a goccia ha tutto ciò di cui hai bisogno, puoi tagliare il … 【RISPARMIA TEMPO E ACQUA】 – L’acqua di rubinetto extra può essere utilizzata direttamente.. Il motivo è che se hai poco spazio, luce solare per diverse ore della giornata e pochi vasi puoi riempire il tuo giardino di casa con pomodori di ogni tipo.. Prendersi cura di un essere vivente, vederne crescere, svilupparsi ed eventualmente goderne i frutti non può essere che un’emozione, e per questo è un’attività che piace a persone di qualsiasi età, sesso e nazionalità, seminare è proprio un piacere che ci unisce tutti (proprio come mangiare!. Esistono diversi tipi di impianto, ognuno con diversi livelli di difficoltà, spazio, cura ed esigenze climatiche, ma uno dei quali molti esperti concorderanno è il più grato è: la coltivazione del pomodoro.. C’è un pomodoro nel libro dei Guinness dei primati.Il pomodoro coltivato più pesante della storia è stato coltivato da un agricoltore americano di nome Gordon Graham nel 1986, con un peso di 3,51 chilogrammi!

Se stai coltivando il tuo orto in Pennsylvania, ti starai chiedendo quando è meglio piantare pomodori in Pennsylvania. È anche fondamentale sapere quali varianti piantare, dove e come prendersene cura. Ecco perché, nell'articolo di oggi, impareremo quando piantare pomodori fuori in Pennsylvania, come prenderci cura di loro e quali sono le migliori varianti. Quando piantare pomodori in Pennsylvania? La cosa più importante da capire sui pomodori è che sono sensibili alle temperature. Questo frutto (tecnicamente i pomodori sono frutti) non supererà l'inverno e tu...

Ecco perché, nell'articolo di oggi, impareremo quando piantare pomodori fuori in Pennsylvania, come prenderci cura di loro e quali sono le migliori varianti.. Il momento migliore per piantare pomodori a Pa è verso la fine di aprile o l'inizio di maggio.. Se lo desideri, puoi piantare i pomodori in un contenitore, sentiti libero di farlo già all'inizio di aprile o alla fine di marzo.. Le varietà di pomodori più popolari in Pennsylvania sono i pomodori Red Slicers, i pomodori Saladette e i pomodori Heirloom.. Se la temperatura del terreno è di almeno 55 gradi Fahrenheit, dovresti sentirti libero di piantare i tuoi pomodori.. Per riassumere, è meglio piantare i pomodori tra la fine di aprile e l'inizio di maggio se vivi in ​​Pennsylvania.

Coltivare i pomodori è una passione non troppo complessa, ma che riesce meglio se si seguono dei piccoli suggerimenti.

La prima domanda che molti si fanno è: in che momento è opportuno procedere alla semina?. Evitate invece le piante che presentano una gradazione rossastra, dal momento che questo colore è sintomo di sofferenza della pianta e compare in particolare quando la pianta è stata sottoposta a temperature rigide.. Indipendentemente dalla variante scelta, bisognerà iniziare con la preparazione del terreno circa due mesi prima della semina, preparando le cassette.. Attenzione a lasciare tra una piantina e l’altra circa 40 centimetri e un metro circa tra i filari (così da poter lavorare le piantine tranquillamente).. A determinare questo problema sono degli squilibri idrici, causati tipicamente da innaffiature troppo frequenti o troppo scarse, che si accompagnano ad una mancanza di calcio.

Dagli Aztechi a oggi la salsa di pomodoro rappresenta un vero è proprio must della nostra cucina e alimentazione. Coltivare pomodori nel proprio orto, o magari in un vaso o…

Dagli Aztechi a oggi la salsa di pomodoro rappresenta un vero è proprio must della nostra cucina e alimentazione.. Si narra anche che dopo la diffusione dei pomodori anche in Europa, sir Walter Raleigh avrebbe donato questa piantina carica dei suoi splendidi frutti alla regina Elisabetta, chiamandola con il nome di apples of love (“ pomi d’amore “).. Sebbene i pomodori più comuni assumono nel periodo di maturazione il caratteristico colore rosso , esistono in commercio anche piante di pomodori i cui frutti hanno un colore diverso dal rosso, come le white queen o le white tomesol di colore bianco , oppure quelle di colore giallo , rosa, arancioni come le moonglow , verdi anche a piena maturazione e persino nere violacee, come le nero di Crimea , purple perfect .. Pianta annuale, di cui esistono molteplici varietà diverse, il pomodoro, a seconda delle varietà necessità di più o meno attenzioni per garantire un buon raccolto nel suo periodo di maturazione.. Moneymaker : fra le varietà più note e affidabili, produce numerosi frutti di grandezza medio-piccola.. La moltiplicazione di questa pianta avviene prevalentemente per semina.. Il periodo migliore per la semina dei pomodori e Aprile-Maggio.. Nella scelta della varietà di pomodori da coltivare, teniamo presente che il pomodoro in genere è una pianta ad andamento strisciante e che molte delle sue varietà necessitano di sostegni, dato che i frutti a contatto con il terreno tendono a marcire anzitempo.. Oltre all’istallazione di un sostegno per le piantine, si dovrà provvedere quindi, durante la loro crescita a legare la piantina sul sostegno, dato che i pomodori possono essere anche molto grandi e pesanti, per evitare che i frutti possano toccare il terreno e marcire.. Pomodoro Pachino (o di Pachino, o ciliegino ) Pomodoro fragola (o fragolino), una variante del pomodoro Pachino a forma di fragola e con basso contenuto di acidità Pomodoro datterino Pomodoro vallivo Pomodoro Camone Pomodoro Sun black Pomodoro di Belmonte Pomodoro di San Marzano Pomodoro Regina Pomodoro Cuore di bue Pomodoro costoluto catanese detto anche solo ‘u catanisi Pomodoro costoluto fiorentino Pomodoro blu Pomodoro di Corbara. A seconda delle varietà, la raccolta dei pomodori può variare da 40-50 giorni a oltre 120 giorni dalla messa a dimora.. Le piantine, nel caso in cui la loro messa a dimora sia il campo o orto, dovranno essere distanziate, in modo da consentire alle piante di svilupparsi senza intralci.. Per questo motivo si consiglia l’irrigazione alla mattina, o al tramonto.. Comprende un Kit di semi con 3 baccelli di erbe aromatiche che contiene: basilico genovese, prezzemolo riccio e aneto, oltre alle sostanze nutritive brevettate

Scopri come preparare il terreno per la semina, piantare i pomodori nei periodi più indicati e gestirli con ottimi risultati in serra, orto e semenzaio: vai all'articolo!

Il pomodoro ama i climi caldo-temperati e soffre il freddo: per maturare ha bisogno di una temperatura diurna di 22-26°C, non a caso la sua stagione per eccellenza è l’estate.. La preparazione del terreno per i pomodori va fatta da fine autunno a inizio inverno: vanga in profondità o fresa con la motozappa e fai una concimazione di fondo a base di letame, compost (qui trovi la guida al compost fai da te ) o stallatico.. Se il terreno tende all’argilloso, per prevenire il ristagno dell’acqua e facilitarne il drenaggio ti conviene organizzare l’orto a baulature, cioè con prode rialzate di 20-25 cm.. Prima di piantare i pomodori puoi anche pacciamare l’orto con telo di plastica o materiale naturale (come erba secca): non è vincolante ma è utile per trattenere l’umidità del suolo ed economizzare l’acqua dell’annaffiatura, per tenere sotto controllo le malerbe, per raccogliere pomodori più puliti e sani.. Rispetta quindi le distanze di impianto : 40-70 cm tra le piante e 70-120 cm tra le file, in base al tipo di pianta e al fatto che le file siano singole o binate.. Il tutore infatti evita che il fusto si pieghi (o addirittura si spezzi) sotto il carico dei pomodori, inoltre fa sì che la pianta riceva meglio la luce del sole e stia distante dal suolo.. Dal trapianto (o semina) alla maturazione, i pomodori necessitano di acqua, che però non deve essere eccessiva: l’ irrigazione va calibrata sia in base al tipo di terreno che all’aumento delle temperature.. A partire dalla messa a dimora o da quando i fusti raggiungono i 20-25 cm, via via che si alzano ricorda di legare le piante di pomodoro ai tutori senza che, crescendo, rimangano strozzate.. Pota le piante di pomodoro recidendo con una cesoia o a mano i germogli ascellari, quelli che crescono tra il fusto e i rametti che portano le foglie: si tratta della sfemminellatura o scacchiatura.. Se non hai pacciamato le prode dei pomodori, finché le piantine sono piccole per tenere a bada le infestanti fai la sarchiatura – cioè una zappatura leggera del terreno – oppure togli le erbacce a mano.. Inoltre per prevenire produzioni scarse, qualità scadente e malattie, non coltivarli per più di 2 anni di seguito nello stesso punto e aspetta 3-5 anni prima di ripiantarli o riseminarli nella stessa porzione di orto.

Sei un principiante che coltiva pomodori e ti chiedi "per quanto tempo le piante di pomodoro producono un raccolto?" I pomodori sono uno dei frutti più popolari che vengono coltivati ​​e consumati in tutto il mondo. Sono anche una delle verdure più conosciute, sia come delizia cruda che cotta! Le piante di pomodoro sono molto sensibili sia a troppa poca acqua che a troppa. Troppa poca acqua può portare all'appassimento e alla morte della pianta. Un'acqua troppo abbondante può portare alla putrefazione e la putrefazione può diffondersi in altre parti della pianta. In questo articolo risponderemo...

Le condizioni di crescita: Potresti avere un pomodoro indeterminato che si è sparso ovunque, ma se fa troppo freddo smetterà di produrre frutti e morirà.. Questo tipo di pianta cresce rapidamente e produce una grande resa di frutti in meno di 100 giorni.. La cosa migliore di questi tipi di pomodori è che sono molto facili da coltivare.. Per quanto tempo le piante di pomodoro producono frutti dipende dal tipo di pomodoro che stai coltivando e dalle condizioni di crescita fornite.. Le piante di pomodoro generalmente smettono di produrre frutti dopo il primo gelo.

La semina dei pomodori è una pratica piuttosto complessa ed è importante rispettare i tempi e le distanze tra le diverse piantine: scopri tutti i dettagli ..

Su tutte le nostre tavole questo ortaggio è molto presente, lo si mangia spesso in insalata , soprattutto in estate, ma è anche l’ingrediente principale di tante salse che nella tradizionale cucina italiana troviamo impiegate per condire la pasta o la pizza.. La pianta che produce i pomodori è una pianta solanacea abbastanza esigente in termini di sostanze nutritive, di temperature e di esposizione solare, chi vuole degli ottimi risultati deve imparare a seminare al momento giusto e deve essere fortunato ed abitare in un luogo in cui il clima è quello a loro gradito.. Se si desidera effettuare la semina dei pomodori direttamente in campo è necessario di norma attendere il mese di aprile, se non quello di maggio, a seconda della zona in cui si abita.. Questo ortaggio, per crescere bene, non deve assolutamente soffrire il freddo, è quindi essenziale essere certi che la temperatura non scenda sotto i 12 gradi, né di giorno né di notte.. Verso febbraio o marzo è possibile effettuare la semina dei pomodori solo se si ha un semenzaio a disposizione, in questo modo ci portiamo avanti di un paio di mesi facendo nascere le piantine che poi dovranno essere trapiantate nell’orto.. Se parliamo di periodo della semina, non si può non accennare all’influenza della luna che molti ritengano ci sia su tutti gli ortaggio da frutto e il pomodoro lo è. Si tratta forse di credenze contadine, ma è bene esserne al corrente.. Trattandosi di una “materia viva”, vanno conservati in un luogo non umido e posizionati lontano da fonti di calore, se procediamo correttamente otterremo dei semi di pomodoro che potranno durare anche quattro o cinque anni.. Il terreno che si prepara ad accogliere i semi di pomodoro non può essere un terreno qualsiasi ma deve avere delle precise caratteristiche se vogliamo essere certi di poter cogliere dei frutti polposi e buoni.. Un mese prima della semina, circa, è necessario procedere con il letame (o il compost) incorporandolo al terreno aiutandosi con la zappa, per poi spianare il terreno con un rastrello.. L’operazione in sé è semplice: si mette il seme sulla superficie e si copre con uno strato leggero di terra per poi compattare leggermente il terriccio con le dita.. Il semenzaio ci permette di anticipare il momento della semina di circa due mesi, quando trapianteremo poi le piantine nell’orto non dovremo preoccuparci della presenza di “buchi” che potrebbero invece comparire nell’orto, in caso alcuni semi non dovessero germinare.. Di solito la semina diretta in campo è consigliata solo a chi abita in zone con un clima molto mite per essere certo non si verifichino improvvise gelate, ciò accade di solito nell’Italia del Sud o sulle coste.. Per quanto riguarda il posizionamento delle piantine, possiamo calcolare una distanza di circa mezzo metro tra una e l’altra e una distanza di circa un metro tra diversi filari, questo se si tratta di varietà rampicanti, per le altre è invece bene aumentate entrambe le misure rispettivamente a 70 e 120 centimetri.

Chiamato pomo d’oro, mela aura o pomodoro, si tratta dell’ortaggio più apprezzato e utilizzato nelle cucine di tutto il mondo. Ma come coltivarli in modo autonomo nel proprio orto o sul balcone? Preparate la zappa, i semi e un buon concime, poiché in questo articolo vi spiegheremo come fare.

In natura è possibile reperire tante varietà di pomodoro, dunque prima di cimentarvi nella coltivazione di pomodori dovrete scegliere quella che vi piace di più.. I pomodori crescono meglio all’interno di cassette di legno: in questo modo non sarà necessario smuovere eccessivamente il terreno del vostro giardino, che potrebbe contenere impurità oppure non avere un pH adeguato.. Vi serviranno senz’altro una zappa per poter preparare il terriccio alla semina e dei pali in legno di bambù, generalmente reperibili nei vivai o nei negozi di giardinaggio, su cui mano a mano dovrete posizionare le parti rampicanti della pianta.. Il periodo migliore per effettuare la semina va dalla fine di febbraio a quella di marzo, tuttavia, se vi trovate in una zona dal clima molto rigido, è possibile rimandare l’operazione a quando le temperature saranno al di sopra dei 12 °C.. Innanzitutto è necessario valutare l’esposizione del balcone: la pianta pomodoro necessita di molto sole, dunque di luce diretta per almeno sei ore al giorno.. Dopo aver trovato il posto giusto, tocca scegliere la varietà più adatta alla crescita in contenitore: meglio quelli di dimensioni ridotte, come i pachino o i datterini, poiché avranno modo di crescere sani e forti anche in spazi ristretti.. I pomodori in vaso hanno bisogno di un terreno ben drenato, dunque è necessario posizionare sul fondo uno strato di argilla espansa, utilizzando inoltre un terriccio concimato con stallatico o fertilizzante naturale e preferibilmente specifico per ortaggi.. Chi ha voglia di sperimentare e cimentarsi anche nella semina, suggeriamo di effettuare tale operazione in casa o in serra, poiché al di sotto dei 10 °C la pianta faticherà notevolmente a svilupparsi.. La problematica potrebbe verificarsi anche in seguito all’utilizzo di un concime non adatto o carente di ferro: questo minerale infatti, è necessario affinché la sintesi clorofilliana avvenga nella maniera corretta.. Se vi trovate di fronte tale problematica la motivazione potrebbe essere innanzitutto un’esposizione scorretta: la pianta di pomodoro necessita di almeno sei ore di sole diretto, dunque se avete scelto una coltivazione in vaso, bisogna premurarsi di posizionare i germogli in una zona ampiamente soleggiata.. Nel caso si tratti di un orto in piena terra, probabilmente il problema è relativo all’uso di concime estremamente carico di azoto che ne rallenta la crescita, oppure semplicemente di una varietà di pomodori che matura più lentamente rispetto ad altre.

Vuoi piantare il pomodoro nel tuo orto o in vaso ma non sai da dove iniziare? Nessun problema! Ecco la guida completa. Terreno, concimazione e acqua non avranno più segreti. Continua a leggere!

Così descrive il pomodoro anche il grande Pablo Neruda , che con la famosa “ Ode al pomodoro ” decanta i sapori e il profumo di questo frutto.. Se possiedi un semenzaio al coperto puoi valutare di seminare con un paio di mesi di anticipo, dunque verso febbraio o marzo, trapiantando poi in orto una volta sviluppatasi la piantina non appena le temperature si sono stabilizzate sopra i 12°.. Prima di trapiantare le piantine è necessario capire se hanno portamento determinato , dunque se smettono di crescere in autonomia una volta raggiunte certe dimensioni, oppure se hanno portamento indeterminato , dunque se bisogna sostenerle con dei supporti.. La pianta di pomodoro ha bisogno di vasi dal diametro di almeno 30 cm e non è il caso di ammassare più piantine in un vaso, meglio che ognuna abbia il suo.. Il bello di piantare i pomodori in vaso è che non avrai la noia di dover potare le piante, trattandosi di varietà a crescita determinata.. È anche per questo motivo che non si consiglia di piantare il pomodoro nello stesso posto per due anni di fila: infatti il terreno, a lungo andare, diventerebbe troppo arido e risulterebbe morto.

Cosa bisogna piantare ad aprile? E a settembre? È vero che bisogna controllare la luna prima di seminare? Ecco una guida per capire cosa piantare nell'orto.

Negli ultimi anni c’è stato un vero e proprio “ritorno alla terra”: che sia per passione, per avere prodotti sempre freschi e naturali a portata di mano o semplicemente un modo per rilassarsi, sono sempre di più le persone che scelgono di coltivare l’orto .. Poi, a seconda del clima e delle zone in cui ci si trova, si possono iniziare a coltivare:. – in letto caldo (cioè in una piccola serra) o sottovetro: cavolo estivo, melanzane, pomodori, peperoni, ravanelli, sedani, meloni, angurie, lattughe;. – in pieno campo, invece, si può piantare aglio bianco, procedere con la semina di fave e piselli.. – con la luna calante si seminano al riparo gli ortaggi a foglia e il sedano e a dimora le bietole, gli spinaci e la lattuga;. – con la luna crescente , invece, di solito si concimano all’aperto carote, ravanelli e piselli e, al riparo, le aromatiche.. In generale comunque marzo è il mese giusto per piantare:. – in coltura protetta: anguria, basilico, carciofi, cavoli cappuccio, cavoli verza, cetrioli, indivie, finocchi, melanzane, peperoni, pomodori, porri, sedani, zucchine ed erbe aromatiche;. – in pieno campo: barbabietole da orto, biete, carote, cicorie da taglio, cipolle, lattughe, piselli prezzemolo, rape ravanelli, rucola, spinaci.. Durante il mese di aprile si possono piantare: angurie, asparagi, basilico, bietole e coste, carciofi, cardi, carote, cavoli, cicorie, cipolle, indivie, scarole, fagioli, fagiolini, finocchi, insalata, meloni, melanzane, peperoni, piselli, prezzemolo, ravanelli, rucola, sedani, zucchine.. Una piccola accortezza: a maggio le temperature tendono ad aumentare per cui è necessario annaffiare nelle prime ore della mattina e dopo il tramonto in modo da evitare che gli eccessivi sbalzi di temperatura facciamo appassire le piante.. Considerando che ci troviamo nei mesi più caldi dell’anno è bene annaffiare regolarmente ed eseguire tutte le operazioni di controllo delle erbacce e delle malattie che possono aggredire la pianta.. Con l’arrivo dell’autunno e delle temperature più fredde capire cosa piantare nell’orto diventa più difficile, perché diminuiscono le varietà di piante che sono adatte a questa stagione.. Inoltre, per tutto il mese di novembre e fino ai primi 15 giorni di dicembre, si possono ancora piantare i piselli e i bulbi di cipolle e aglio.. Prima di chiederci quando seminare i pomodori , quando piantare le patate o come magari come piantare le zucchine, è bene ricordare alcuni dei fattori più importanti per la buona riuscita di un orto:. La prima regola è quindi quella di evitare di crearlo sul lato nord di un’abitazione o sotto l’ombra di alberi a grande chioma.. Diverso è il discorso per ortaggi come lattuga, rucola, cavoli a cuore, prezzemolo, ecc…, che possono essere tranquillamente piantate con le prime in quanto termineranno il loro ciclo prima di poter subire gli effetti negativi della competizione per la luce.. 100-150 cm di distanza per anguria, melone e zucca; 50-70 cm per le zucchine; 40 cm tra le piante di pomodori,peperoni, melanzane, cetrioli e cavoli; 35 cm per la cicoria; 25 cm per lattuga, bietola, sedani, finocchi; 10 cm per cipolle, porri, agli, rucola; 3 cm per carote, ravanelli e prezzemolo.. la lavorazione di fondo che di solito viene fatta in autunno-inverno attraverso la vangatura e con il terreno asciutto.. Lo scopo di questa operazione è quello di “dare aria” al terreno, estirpare le radici di erbe infestanti, interrare le sostanze organiche; la lavorazione pretrapianto che avviene alla fine dell’inverno attraverso vangatura-zappatura e fresatura.

Scopri ora la guida definitiva e completa per coltivare i pomodori: tutte le tecniche per coltivarli sul terrazzo, in vaso, in serra e con l'idroponica.

Pomodoro Zuckertraube: La pianta di questo pomodoro è estremamente vigorosa e florida ; i frutti – che crescono a grappolo – hanno una superficie estremamente liscia e rossa ; la polpa è molto dolce e gustosa e presenta un buon equilibrio tra il livello di dolcezza e il tasso di acidità.. Per quanto riguarda la scelta dei vasi , è possibile optare per il contenitore più adatto allo spazio che si ha a disposizione : si può scegliere un vaso per ogni pianta, in questo caso il contenitore deve avere una larghezza di almeno 30 centimetri , oppure prevedere dei contenitori rettangolari – come ad esempio le classiche fioriere - inserendo più piante in un unico vaso grande; in questo caso si dovrà avere l’accortezza di lasciare 40 cm di spazio tra una pianta e l’altra , in modo da non costringere le piantine di pomodoro in uno spazio troppo ristretto.. Al momento, uno dei materiali più frequentemente utilizzati, in grado di trattenere l’acqua necessaria, è la lana di roccia , che consente di fornire alla pianta la giusta quantità di aria e di acqua.La lana di roccia è disponibile in formati e dimensioni differenti , tra i quali potete scegliere liberamente quello più adatto alle vostre esigenze e al sistema adottato.. se le foglie delle piante tendono ad ingiallire, il pH potrebbe essere troppo elevato, oppure potrebbe essere il sintomo di una carenza di sostanze nutritive; se lo stelo della pianta diventa rosso e le foglie si arricciano, vuol dire che il pH è troppo basso; se le foglie si arricciano – senza manifestare altri sintomi – i livelli dei nutrienti potrebbero essere troppo alti; se i fiori delle piante cadono precocemente, potrebbe esserci una carenza di potassio.. Per essere certi di utilizzare il migliore fertilizzante , occorre conoscere le esigenze nutritive delle piante di pomodori, ma in – linea generale – è opportuno sapere che per crescere correttamente le piante da fiori e da frutto necessitano di tanto fosforo, potassio, azoto e di poco sodio ; per questo è possibile fare riferimento alle linee di prodotti dedicate che si trovano in commercio.. Una vasca ampia, meglio se dotata di coperchio (per impedire la crescita di alghe); Un vassoio più piccolo, dove sistemare le piantine (e tenerle sollevate dal serbatoio); Vasetti contenitori per le singole piantine (o vasi “a rete”); Una pompa a immersione; Un timer; Tubi in PVC di due dimensioni differenti: uno da un centimetro e mezzo e uno un po’ più largo; Terreno di coltura: lana di roccia, palline di argilla espansa o miscela di cocco e perlite.. Praticate dei buchi sul coperchio per consentire il passaggio dei tubi , poi sistemate il vassoio più piccolo sul vassoio più grande pieno di acqua (che dovrà essere piuttosto alto); Installate la pompa a immersione (o a fontana) all’interno del vassoio grande pieno di acqua: per irrigare correttamente dovrà avere una potenza sufficiente da pompare acqua dal fondo del serbatoio verso il vassoio di coltivazione (dove si trovano le piantine) e inondarlo .. Un’altra operazione fondamentale per assicurare alla coltivazione di pomodori una cura adeguata è la potatura , che deve essere effettuata in modo regolare, usando anche solo le mani per togliere i rametti inutili.Nello specifico, la scacchiatura o sfemminellatura - denominata anche “potatura dei germogli ascellari” – consiste nell’eliminazione di quei cacchi (noti anche con il nome di femminelle) che la pianta produce nel punto d’intersezione tra il fusto principale e il ramo secondario.. Esistono poi diversi insetti che possono danneggiare le piante di pomodoro , quello più diffuso è la Nezara Viridula , anche nota con il nome di Cimice del Pomodoro, che si manifesta - attraverso segni di necrosi e disseccamenti - sia sulle foglie che sui frutti.. Un altro importante aspetto cui prestare attenzione è la pulizia della pianta ; occorre rimuovere periodicamente le foglie più grandi , che rischiano di fare ombra ai frutti, e togliere i nuovi germogli che rischiano di indebolire la pianta : afferrare il germoglio localizzato tra il fusto principale e il ramo fruttifero e piegarlo bruscamente verso il basso per romperlo di netto.

Il fondo dei pomodori che marcisce è qualcosa che la maggior parte dei giardinieri di pomodori deve affrontare, specialmente durante le ultime fasi di crescita e maturazione del frutto. Hai piantato i tuoi semi di pomodoro, li hai visti crescere e ora stai finalmente iniziando a ottenere dei bei frutti. Poi, dal nulla, inizi a notare una disgustosa crosta nera sul fondo del tuo bellissimo frutto di pomodoro. Questo articolo discuterà di come si chiama questa orribile crosta che rovina i tuoi pomodori e come trattarla. Come si chiama il fondo dei pomodori che marciscono? La macchina più brutta in fondo al tuo pomodoro si chiama...

Il fondo dei pomodori che marcisce è qualcosa che la maggior parte dei giardinieri di pomodori deve affrontare, specialmente durante le ultime fasi di crescita e maturazione del frutto.. La putrefazione del pomodoro è una malattia comune del pomodoro e la stagione di crescita inizia umida e poi diventa secca quando il frutto sta allegando.. La putrefazione del pomodoro è causata dall'incapacità di fornire abbastanza calcio al frutto in via di sviluppo.. Per testare l'umidità del terreno, infila le dita nella terra attorno alla pianta di pomodoro e controlla se è bagnata di diversi centimetri.. Copri la tua area di semina con plastica nera o rossa, o aspetta pazientemente che il clima si scaldi per aumentare la temperatura del suolo.. Quando si strappano le erbacce, non attaccare il terreno vicino alla pianta di pomodoro con la zappa.. La pacciamatura del tuo orto limita la necessità di coltivazione durante il periodo di crescita.. Il pH del terreno dovrebbe essere compreso tra 6.2 e 6.8 per fornire il giusto ambiente di crescita per i pomodori.. Puoi effettuare un test del terreno prima di piantare i tuoi pomodori per ottenere l'intera composizione del tuo terreno.. Se il tuo terreno richiede calcio aggiuntivo, puoi aggiungere gusci d'uovo schiacciati o aggiungere alcune compresse di calcio e antiacidi durante il periodo di semina.

come piantare i pomodori. tutto ciò che devi sapere per coltivare pomodori comodamente da casa tua. Tutorial passo passo

Pertanto, ti consigliamo di avere tutto pronto per fare una piantagione di pomodori di successo a metà primavera.. Il substrato è la chiave per il nostro piante di pomodoro nascere forte e sano.. Tuttavia, per garantire che il nostro pianta di pomodoro crescere in modo più soddisfacente e che possa darci una grande quantità di frutti, è necessario trapiantarlo a terra.. Le semi di pomodoro non sono difficili da trovare oggi.. Dopo aver scelto il contenitore o la pentola semina i tuoi pomodori È ora di riempirli con substrato e terra.. Assicurati di inumidire bene il substrato prima di piantare i semi.. Ora, una volta che hai i tuoi vasi o l'alternativa che hai scelto, ti consigliamo di piantare due semi per spazio individuale.

Videos

1. preparare LA TERRA PER I POMODORI
(Gioele Pofferi)
2. INIZIARE A COLTIVARE I POMODORI: CONSIGLI E TRUCCHI!
(Stockergarden)
3. uovo pomodoro e un po di terra, uniscili ed il risultato ti sorprenderà
(L' Arca delle idee - Stefano Gullotta)
4. Quali pomodori piantare nel tuo orto ?
(Savini Vivai di Savini Stefano)
5. Seminare i pomodori: ecco come e quando. Tutorial completo
(Orto Da Coltivare)
6. Il modo piu facile di germinare un Pomodoro da Supermercato in 8 giorni
(Dall'Orto ai Fornelli)

You might also like

Latest Posts

Article information

Author: Tyson Zemlak

Last Updated: 07/15/2022

Views: 6431

Rating: 4.2 / 5 (43 voted)

Reviews: 90% of readers found this page helpful

Author information

Name: Tyson Zemlak

Birthday: 1992-03-17

Address: Apt. 662 96191 Quigley Dam, Kubview, MA 42013

Phone: +441678032891

Job: Community-Services Orchestrator

Hobby: Coffee roasting, Calligraphy, Metalworking, Fashion, Vehicle restoration, Shopping, Photography

Introduction: My name is Tyson Zemlak, I am a excited, light, sparkling, super, open, fair, magnificent person who loves writing and wants to share my knowledge and understanding with you.