Le 10 piante migliori per un acquario d'acqua dolce | Petyoo (2023)

Se non hai mai dato un occhio ad una vasca d'acquario in stile piantumato, rimarresti sicuramente stupito da quanto un acquario possa apparire vibrante e vivace.

Questo è dovuto al fatto che le piante usate in acquari d'acqua dolce filtrano naturalmente l'acqua e favoriscono la crescita e la salute il tuo.

Le piante d'acquario sono utili ai pesci in molti casi: come comfort, cibo, sicurezza e anche proliferazione, tanto da essere indispensabili per ogni ambiente acquatico artificiale.

Se stai pianificando di costruire un acquario piantumato ma non sai da dove cominciare, trovati del tempo per fare delle ricerche.

La maggior parte delle piante da acquario sono abbastanza forti da resistere ai cambiamenti nella chimica dell'acqua e nella temperatura, tuttavia, man mano che ti abituerai a mantenere un acquario piantumato, scoprirai che alcune lo sono di più rispetto ad altre.

In questo articolo, discuteremo in merito alle 10 migliori piante d'acqua dolce disponibili oggi sul mercato. Se sei nuovo nel mondo degli acquari, queste sono le alternative migliori tra cui scegliere.

Mantenere delle piante acquatiche nel tuo acquario non è poi così difficile. Con delle piccole indicazioni, conoscenze e un po' di pratica, accrescerai facilmente il tuo successo. Ci sono vari tipi di piante acquatiche tra cui scegliere per il tuo acquario.

Hai ampia scelta per il tuo acquario d'acqua dolce. Sul mercato puoi trovare alcune piante galleggianti in superficie, mentre altre che necessitano di essere radicate alla base. Alcune sono utilizzate nel mezzo, altre sullo sfondo.

Esamineremo ora le 10 migliori piante acquatiche per vasche d'acqua dolce, che faranno apparire il tuo acquario fantastico e che hanno anche diversi scopi.

1. Muschio di Java

Le 10 piante migliori per un acquario d'acqua dolce | Petyoo (1)

Queste piante sono davvero popolari negli acquari d'acqua dolce e sono allo stesso modo un solido favorito per gli amanti dei gamberetti, in quanto questi ultimi utilizzano il muschio come efficace nascondiglio.

Il muschio di Java è migliore se appeso agli ornamenti presenti nel tuo acquario, come rocce o legname.

Per fare ciò, utilizza bande elastiche o cose simili che fungano da supporto per questa pianta acquatica viva mentre si radicherà gradualmente all'ornamento.

Se fissata ad una roccia, crescerà verso l'esterno attraverso la superfice della vasca. Questa pianta è conosciuta per il suo galleggiare, quindi la cosa migliore è fissarla a qualcosa di stabile per impedirgli lo spostamento.

Il muschio di Java preferisce una luce leggermente attenuata. Prospererà in condizioni di scarsa illuminazione. Ma fai attenzione, se la luce è eccessivamente forte si verificherà l'effetto inverso. Una luce troppo brillante inibirà la crescita del muschio e potrebbe sottoporlo alla piaga delle alghe verdi.

Appare languinoso e verde sul terreno e perdura anche a temperature comprese tra i 21° e i 32° circa, ma cresce meglio tra i 21° e i 23°.

2. Echinodorus amazonicus

Le 10 piante migliori per un acquario d'acqua dolce | Petyoo (2)

È una pianta fantastica per vasche d'acqua dolce. Può crescere in varie condizioni, ed è tra le più conosciute e facili da mantenere.

L' Echinodorus amazonicus (amazon sword, letteralmente "spada amazzone"), solitamente cresce molto imponente nell'acquario, quindi valuta questo aspetto prima di comprarla.

(Video) TOP 7 PIANTE FACILI IN ACQUARIO

È una pianta adatta per inesperti proprietari perché sopravvive anche con un basso livello di nutrienti e luce. Tuttavia, con alti livelli di luce o l'utilizzo di fertilizzanti, crescerà molto più velocemente nel tuo acquario.

L' Echinodorus amazonicus è in genere la prima scelta dei principianti, dal momento che può essere acquistata facilmente in negozi di acquari e oltretutto ad un prezzo basso.

Si origina in America centrale e meridionale. Tuttavia, oggi cresce principalmente nel nord America e qui viene distribuita agli hobbisti.

L' Echinodorus amazonicus abbisogna di luce diretta e temperature comprese tra i 22° e i 27°.

Queste piante acquatiche hanno foglie simili a delle spade (come il nome lascia sottintendere) e solitamente crescono molto alte, fino a 50 cm!

3. Felce di Java

Le 10 piante migliori per un acquario d'acqua dolce | Petyoo (3)

Come il muschio di Java, è una pianta perfetta per vasche d'acqua dolce, efficace ed apprezzata soprattutto dai gamberetti.

Anche la felce di Java preferisce una luce soffusa, e cresce correttamente quando il rizoma (i gambi verdi che generano le foglie) è fissato a ornamenti o rocce.

Se hai una grande felce di Java, puoi coprire le sue radici con delle rocce, ma devi stare attento a non seppellire i rizomi.

Le sue foglie lunghe, verdi e a grappoli fioriscono tra i 20° e i 28° circa, con una luce bassa o moderata e funge sia da nascondiglio per i pesci sia come decorazione per lo sfondo.

È una pianta viva, facile da far crescere nel tuo acquario, poiché scarica le spore dalla parte anteriore delle sue foglie quando è il momento della propagazione. Queste spore galleggeranno semplicemente, fino a quando non troveranno qualcosa a cui attaccarsi, e da quel momento cresceranno velocemente.

La temperatura e la luce richiesta fa della felce di Java una soluzione adatta per nuovi utenti che vogliono acquistare piante d'acqua dolce. Queste piante acquatiche non sono costose e si possono spesso trovare in misure diverse, sia per piccoli che per grandi acquari. Non richiedono substrati specifici per le piante né fertilizzanti liquidi.

4. Anubias e Anubias Nana

Le 10 piante migliori per un acquario d'acqua dolce | Petyoo (4)

L'Anubias e l'Anubias Nana sono due piante acquatiche semplici da gestire. L'Anubias è generalmente venduta su rocce o tronchi nei negozi di acquari.

Diversamente dalla felce di Java, questa pianta d'acqua dolce cresce lentamente. È perciò essenziale acquistare un campione già della misura adatta al proprio acquario.

Una volta acquistata, assicurati di tenere la pianta sopra il substrato e non coprire il fondo della sua radice nel substrato.

Questa pianta acquatica necessita di essere situata nella parte ombreggiata della vasca, con un flusso costante per prevenire la crescita di alghe sulle foglie. L'Anubias necessita soltanto di un basso livello di nutrienti e perciò non richiede nessun fertilizzante da aggiungere all'acqua.

L'Anubias nana è una variazione dell'Anubias, con foglie molto più piccole. È più appropriata per acquari piccoli. Questa pianta è difficile da trovare e spesso costa molto. Il più grande vantaggio di questa pianta acquatica è lo spazio che occupa.

Se stai allevando pesci che amano nascondersi, è davvero una pianta perfetta. Non cresce più di 15 cm, quindi non dovrai preoccuparti di tagliarla. Richiede una temperatura compresa tra i 22° e 25° circa e una luce moderata.

(Video) le 5 piante acquatiche più facili!

5. Cryptocoryne Wendtii

Le 10 piante migliori per un acquario d'acqua dolce | Petyoo (5)

La Cryptocoryne Wendtii è normalmente venduta in vasetti.

Ha in molti casi una cattiva reputazione poiché si "liquefà" rapidamente quando aggiunta agli acquari piantumati.

Questo è dovuto alla sua minore resistenza ai cambiamenti rispetto alle altre piante acquatiche citate.

Allo stesso modo, necessita di una quantità leggermente superiore di luce rispetto ad altre piante. Quindi, dovrebbe plausibilmente essere lasciata come pianta per acquariofili avanzati.

In ogni caso, costituisce una pianta da primo piano molto bella, che può essere riconosciuta facilmente per via delle sue foglie lunghe e sottili che si allungano a partire da un punto focale sotto il substrato.

Quando messa nell'acquario piantato, potrebbe sembrare che la pianta si dissolva totalmente, ma in realtà la Cryptocoryne Wendtii sta solo rispondendo ai cambiamenti a cui è sottoposta. Se continui a curarla, avrà la capacità di tornare in piena salute.

Un altro beneficio di questa pianta è che può essere divisa efficacemente nella zona dei rizomi e propagata in tutto l'acquario.

6. Cryptocoryne

Queste piante vive d'acqua dolce sono molto varie in misura, colore e forma.

Le Cryptocoryne si trovano in diverse varietà e, indipendentemente dalla tipologia, sono estremamente popolari in vasche di gamberi.

Gli acquariofili specializzati considerano queste piante come il passo successivo alle felci di Java e alle Anubias per i principianti. Anch'esse apprezzano una luce soffusa, ma richiedono più cure a causa delle radici più complesse da gestire.

Dovrebbero essere coperte ad una profondità di 5 cm sulla roccia, tuttavia, dovresti assicurarti che la corolla (la parte dove sono situate le foglie), sia mantenuta ben oltre la roccia. Richiede temperature tra i 22° e i 28° circa e una luce moderata.

Dovresti fare attenzione a queste piante perché sono molto fragili. Potresti dover affrontare il cosiddetto "scioglimento della Cryptocoryna", che solitamente si manifesta quando si introducono queste piante per la prima volta nell'acquario.

Quello che accade effettivamente è che il cambiamento immediato nell'acqua intorno alla pianta la "stordisce", e il risultato è che questa perde la maggior parte delle foglie. Comunque, non preoccuparti, è molto comune e mai letale per la pianta.

7. Pygmy Chain Sword

Le 10 piante migliori per un acquario d'acqua dolce | Petyoo (6)

Questa pianta acquatica, anche chiamata Narroe Leaf, "foglia stretta", è più diffusa in acqua dolce ed è una buona scelta sia per principianti che per esperti.

È normalmente collocata vicino al bordo dell'acquario, perché non cresce molto alta.

Sotto una luce adatta, può crescere e diventare uno spesso groviglio di foglie. Al contrario se la luce è bassa, crescerà scarsamente. Riesce a sopravvivere a tutte le condizioni di luce e non richiede l'uso di fertilizzanti.

La Pigmy Chain Sword è molto conosciuta come una pianta sospesa adatta ai principianti perché non necessita quasi di nessuna manutenzione.

(Video) Fondo per l'acquario: quale scegliere?

La pianta si diffonde oltre il substrato (materiale utilizzato come fondale in un acquario). Può poi propagarsi con facilità in modo da crescere lungo la parte frontale dell'acquario, formando così un primo piano elegante.

In migliori condizioni di luce, le nuove foglie che nascono da questa pianta acquatica svilupperanno un colore rosso brillante. Con questa colorazione abbagliante, viene solitamente collocata al centro dell'acquario e apprezzata da numerosi acquariofili.

Questa pianta è anche in grado di tollerare una vasta gamma di condizioni. Può germogliare in acqua dura o dolce, con un alto o basso valore del pH e ad una grande varietà di temperature, caratteristiche che la rendono una pianta perfetta per i principianti e una scelta tra le preferite per quasi tutti gli acquari.

8. Glicine acquatico

Le 10 piante migliori per un acquario d'acqua dolce | Petyoo (7)

Questa specie di piante acquatiche è anche nota come "piante a mazzetto", ed è popolare tra acquariofili che allevano gamberetti, perché si radica in profondità nell'acquario e forma interessanti punti di esplorazione.

Il glicine acquatico è apprezzato per via della forma delle sue foglie. Questa pianta acquatica crescerà in qualsiasi condizione fino a quando rimarrà ben radicata nella ghiaia ed avrà abbastanza ossigeno.

Il glicine acquatico è anche una delle piante più facilmente propagabili nell'ambiente acquatico. Tutto quello che c'è da fare è tagliare uno stelo sano e lungo. Poi, affondane nella ghiaia circa 7/10 cm mentre la pianta continua il suo naturale processo di germinazione.

Il glicine acquatico ha alte foglie verdi simili a merletti, che forniscono una copertura a tappeto per il tuo acquario. Si diffonde orizzontalmente e non verso l'alto.

Queste piante sono molto conosciute per la loro facile crescita e richiedono una manutenzione minima. Richiedono una luce diretta e sono efficienti a temperature comprese tra i 23° e i 26° circa.

9. Ceratofillo

Le 10 piante migliori per un acquario d'acqua dolce | Petyoo (8)

Anche chiamato "Coontail", il Ceratofillo è una delle piante acquatiche più semplici da collocare in un acquario. È venduta in vasetti e galleggia libera sulla superficie dell'acquario.

È eccezionalmente versatile nei confronti di cambiamenti improvvisi, è in grado di sopravvivere a diverse temperature ed è anche adatta a stagni all'aperto.

Può raggiungere lunghezze fino a 60 cm. Questa pianta acquatica si può riprodurre semplicemente tagliando degli steli e lasciandoli galleggiare, oppure ripiantandoli nel substrato.

È una pianta da sfondo splendida, perché si sviluppa in lunghezza nell'acquario. Abbisogna di una luce minima e l'uso di fertilizzanti è trascurabile.

Allo stato selvaggio, il ceratofillo è comunemente trovato in condizioni disordinate, unito al substrato o fluttuante liberamente nel corpo idrico. È adatto anche all'acquario. Tuttavia, è consigliato in questo caso di piantarlo nel substrato.

Questo permette alla luce di avere accesso anche alle piante sottostanti. Se invece la pianta fluttuasse liberamente, potrebbe impedire la penetrazione della luce.

10. Giglio nano

Le 10 piante migliori per un acquario d'acqua dolce | Petyoo (9)

Queste sono piante estremamente delicate che crescono lentamente. Nonostante i gamberetti sembrino apprezzarle, si danneggiano velocemente, quindi potrebbe non essere un'idea geniale piantarle con molti gamberetti in circolazione.

I gigli nani sembrano piccole teste appuntite, e i loro steli molto piccoli si possono rompere facilmente. Se desideri avere gigli nani nel tuo acquario, sarebbe l'ideale acquistarli già completamente cresciuti. In questo modo ci sarà una minore probabilità che si rompano.

(Video) 🌿GUIDA alle PIANTE in ACQUARIO 💦

Come prendersi cura di piante d'acqua dolce?

Le piante acquatiche offrono numerosi vantaggi al tuo acquario. Mentre producono un effetto visivo sbalorditivo, queste piante acquatiche fanno circolare l'aria all'interno dell'acqua, eliminano le impurità e costituiscono un vero e proprio habitat per i tuoi pesci.

È stato osservato che se ti prendi cura delle tue piante acquatiche in modo adeguato, non dovrai affrontare problemi legati alla formazione di alghe.

Utilizzando i consigli riportati qui sotto, potrai facilmente costruire un acquario in salute ed appariscente, che potrai sempre apprezzare!

1. Scegli le piante giuste

La cura delle tue piante d'acquario comincia già nel momento della scelta; scegli piante adatte al tuo acquario e assicurati che le piante acquistate siano prima di tutto acquatiche, quindi che siano completamente in grado di sopravvivere sott'acqua.

Esempi di specie di piante acquatiche che possono facilmente crescere in acquario includono le Anubis, Echinodermi, Anarchies e Lilaeopsis (le Sword Plants).

Ricordati che la maggior parte delle piante sopravvive meglio a livelli di pH compresi tra 7 e 7.2. Assicurati di controllare la compatibilità di ogni pianta con i tuoi pesci (alcuni pesci mangiano le piante) e con le condizioni dell'acqua.

2. Scegli il giusto substrato

Le piante d'acquario richiedono un substrato all'interno del quale fissare le loro radici. Queste piante possono crescere in diversi tipi di substrati, ma circa 5 o 7 cm di laterite circondati da circa 2 cm di ghiaia sarebbero l'ideale.

È possibile anche lasciare le piante all'interno dei vasetti in cui, spesso, vengono vendute. Tuttavia, piantarle nel substrato darà un aspetto più naturale al tuo acquario, e faciliterà lo sviluppo naturale della pianta.

3. Fornisci la giusta luce

Senza una luce appropriata, la tua pianta non può sopravvivere. Tutte le piante richiedono luce per effettuare la fotosintesi, un processo durante il quale la pianta produce energia per la sua crescita e il suo sviluppo.

Un vantaggio ulteriore della fotosintesi è che l'ossigeno prodotto durante il processo favorisce la vita all'interno del tuo acquario.

Una luce completa e fluorescente è un'assoluta necessità. Assicurati di fornire alle tue piante almeno 10/12 ore di luce ogni giorno.

Rimpiazza le lampade fluorescenti almeno ogni 12 mesi, perché la loro intensità tende ad alleviarsi giorno dopo giorno. Se la tua lampada emette una luce che non copre tutto lo spettro d'acqua, le tue piante non cresceranno.

4. Usa fertilizzanti per piante d'acquario d'acqua dolce

Puoi velocizzare la crescita delle tue piante utilizzando un fertilizzante a base di ferro, sicuro per il pesce. Ricerca fertilizzanti a rilascio moderato, utili per aiutare la crescita e lo sviluppo delle piante d'acquario. Non utilizzare mai fertilizzanti a base di fosfato, perché favoriscono la crescita vigorosa di alghe.

Fare uso eccessivo di fertilizzante è un errore, perché ucciderà sia i pesci che le piante del tuo acquario.

Altra cosa, non comprare fertilizzanti che contengano nitrati. Anche questo può portare alla crescita eccessiva di alghe.

I fertilizzanti si trovano generalmente in forma solida, simile a palline, oppure in forma fluida.

Conclusioni

Questa lista contiene le piante più facilmente coltivabili all'interno del proprio acquario, ma ce ne sono in realtà moltissime coltivabili in un acquario.

Tutte le piante in lista non necessitano alcuna aggiunta di CO2, luce particolarmente elevata oppure fertilizzanti. La maggior parte di queste piante riesce naturalmente a controllare la formazione di alghe e fiorisce anche in installazioni a bassa tecnologia.

Sebbene capaci di crescere anche in condizioni di luce relativamente scarsa, alcune di queste piante riescono allo stesso modo a svilupparsi ed assorbire grandi quantità di luce. Quando vengono sottoposte a luce più intensa, l'intensità dei loro colori cambia.

(Video) Top 10 Pesci in banco per tropicale dolce. 🐠

FAQs

Cosa non può mancare in un acquario? ›

  • Il filtro.
  • Le pompe.
  • Illuminazione.
  • Il termoriscaldatore.
  • Il fondo.
  • Rocce legni e arredi.
  • Timer. Mentre il filtro deve funzionare costantemente, l'illuminazione dovrebbe seguire il ritmo giorno notte, per per riprodurre una situazione naturale, necessaria ai pesci ma soprattutto alle piante. ...
  • Impianto a Co2.
28 Jan 2016

Quante piante in un acquario da 20 litri? ›

1 - Quante piante devono essere sistemate nell'acquario? - Osservare la seguente regola: Numero delle piante = lunghezza (cm) x larghezza (cm) dell'acquario, diviso 50.

Come avere piante rigogliose in acquario? ›

NUTRONFERRO: nutrimento liquido studiato per coltivare ed irrobustire nel modo migliore le piante d'acquario. NUTRONFLORA: fertilizzante liquido ricco di sostanze minerali ed ormoni della crescita, da abbinare a NUTRONFERRO per uno sviluppo rigoglioso delle piante acquatiche.

Quante piante in acquario da 30 litri? ›

Ma quante piante devono essere inserite nell'acquario? Per semplificare il calcolo è pressi usare la seguente regola: Lunghezza dell'acquario in cm X larghezza dell'acquario in cm diviso 50.

Quanti pesci in 60 litri dolce? ›

In totale puoi mettere ancora una decina di pesci tra Corallini, Petitella e barbo ciliegia. Ti sconsiglio le altre specie che hai menzionato.

Come mettere il Pothos in acquario? ›

Il suo utilizzo in vasca è davvero semplice: stacca un ramo di pothos dalla pianta madre e inserisci il ramo in acquario facendo attenzione ad inserire solo il rizoma e non le foglie. Per ancorare la pianta e far sì che non fluttui, puoi aiutarti in molti modi: ventose, filo da pesca, persino scotch a bordo vasca.

Cosa dà fastidio ai pesci? ›

Mentre molti pesci sembrano crescere abituati a vibrazioni a basso livello costante, come quelle prodotte da una pompa dentro l'acquario, sono invece sensibili a vibrazioni improvvise e intermittenti, come porte chiuse forte, il suono a tutto volume di altoparlanti o il rombo della moto del tuo vicino.

Quanti pesci pulitori in 30 litri? ›

Riguardo a quanti ospitarne, consiglio di non superare i 4-5 esemplari adulti in 30 litri. L'acquario è preferibile sia a sviluppo orizzontale, quindi a base rettangolare. Altri link utili: Maturazione acquario.

Quanti pesci e Che pesci possono stare in un acquario di 25 litri? ›

considerando un fattore medio 15, un pesce rosso in 40 litri è come dire un neon in 2,7 litri. quindi in 25 litri netti, un banco di 6/7 neon dovrebbe starci bene.

Quanti pesci in 26 litri? ›

In maniera generica potremmo utilizzare questa regola: Per le piccole e medie grandezze di pesci, la regola è di cinque centimetri di pesce per ogni 10 litri di capacità della vasca. Per medie e grandi dimensioni dei pesci, la regola è di due centimetri di pesce per ogni 10 litri.

Quanti pesci ci possono stare in un acquario da 20 litri? ›

Secondo me circa 6 (considerando di mettere poi almeno 2 pulitori). Ciao. Io ti consiglio 5 neon e qualche caridina. Il problema è che di pulitori di dimensioni contenute per un 20 litri ci sono o cory o caridine.

Cosa mettere nel filtro per acquario? ›

Seguendo il flussi dell'acqua, l'ordine di passaggio della stessa attraverso i materiali filtranti è: spugna grossa, spugna media, spugna fine, lana filtrante, carbone attivo, altri materiali filtranti come resine, torba o zeolite, e per ultimo il materiale filtrante biologico come cannolicchi, bioballs o altro.

Come avere piante verdi in acquario? ›

Posizionare una luce a led per coltivazione di piante acquatiche al di sopra dell'acquario garantirà una crescita più rigogliosa. Attenzione a non esagerare con le ore di luce, fanno proliferare le alghe! Le piante possono essere coltivate insieme ad animali come pesci, gamberetti e lumache.

Quanto fondo fertile mettere in acquario? ›

Applica circa 3 o 4 centimetri di fondo fertile in tutte le zone in cui prevederai di inserire delle piante. Evita, invece, di posizionare il fondo nelle zone che vorrai lasciare sterili.

Cosa mettere nelle piante acquatiche? ›

Substrato o terriccio per piante acquatiche

Il substrato si prepara mescolando la torba, con 1/3 di fertilizzante naturale e con 1/3 di sabbia. Ultimare il rinterro con uno strato di almeno cinque centimetri di sabbia in modo che il terriccio non si disperda velocemente nell'acqua che verserai.

Quanti pesci ci possono stare in un acquario di 40 litri? ›

Secondo la regola generale, per un pesce di 3 centimetri si devono garantire almeno 7 litri d'acqua. Pertanto, ti è consentito introdurre circa 13 centimetri di pesci d'acqua salata in un acquario da 40 litri. Potrebbe non sembrarti molto, ma ci sono davvero tantissimi pesci piccoli che ravviveranno il tuo acquario.

A cosa serve l ossigenatore nell'acquario? ›

L'aeratore è una sorta di pompa che va inserita all'esterno dell'acquario in particolari occasioni, e tramite un tubicino genera un flusso di bollicine d'aria, che dà via ad un movimento d'acqua verso la superficie, evitando che si formino delle zone ristagnanti e facilitando lo scambio gassoso con l'aria.

Quanto costa mantenere un acquario? ›

Di solito una vasca di dimensioni medie (da 50 a 200 L) completa di accessori, non supera i 100 euro. Per quanto riguarda le spese vive mensili da sostenere, inerenti ai cambi di materiali filtranti, biocondizionatori, fertilizzanti e mangimi vari, i costi possono variare da 10 a 30 euro circa.

Come si decora un acquario? ›

Usa la ghiaia come decorazione.

Si possono acquistare sacchettini di apposite pietre multicolore da disporre sul fondo dell'acquario. Piacciono ai pesci ed è possibile abbinare il colore a quello della ghiaia o della stanza. Si trovano in numerose forme, come crocette, conchiglie, anellini, sferette e altre ancora.

Quanto tempo ci vuole per avviare un acquario? ›

La maturazione della vasca sarà comunque completata nelle classiche 4-6 settimane. Trascorso questo tempo si procederà al cambio quasi totale dell'acqua con altra nuova (sempre di osmosi ricostruita con i valori di kH e gH desiderati) e alla piantumazione.

Quanti Guppy possono stare in un acquario? ›

Dimensioni minime dell'acquario: 60 cm di lunghezza.. Vanno allevati in gruppi di non meno di 5 individui (3 femmine e 2 maschi), il numero delle femmine deve essere superiore a quello dei maschi, altrimenti si stressano troppo. In natura l'alimentazione è basata su zooplankton, piccoli insetti e detriti.

Quanti pesci inserire la prima volta? ›

Se la vasca è maturata bene...e non hai intenzione di inserire pesci di grandi dimensioni o che di grandi dimensioni diventino... (oltretutto molto sconsigliabile in 70 lt.).... ... direi due o tre per volta...

Quanti pesci neon in 50 litri? ›

Neon cardinale

Questi pesci richiedono un serbatoio minimo di 50 litri. È meglio allevarli in un branco di 8-10 individui. L'acquario non dovrebbe essere troppo illuminato. Sarebbe bene se avesse un buon filtro.

Cosa si può fare con un vecchio acquario? ›

Ogni parte dell'acquario si potrà riciclare trovando un nuovo impiego nella costruzione della piccola serra. Gli acquari sono costituiti da un box in vetro con base e coperchio plastico. Il coperchio, solitamente, integra una serie di luci, ottime per illuminare la serra, il terrario o il paludario.

Quanta acqua dare al Pothos? ›

Innaffiature e umidità

ogni 3-5 giorni in estate, ogni 8-10 giorni in inverno. Prima di innaffiare, meglio tastare il terriccio con le dita per verificare il livello di umidità. Dopo mezz'ora dall'innaffiatura, svuotate il sottovaso se c'è ancora acqua.

Come mettere Bamboo in acquario? ›

Per una corretta coltivazione in acquario questa pianta deve essere posizionata in posizione verticale, con le sue foglie poste fuori dall'acqua, quindi adatta ad una vasca sprovvista di coperchio.

Quante volte si cambia l'acqua ai pesci? ›

L'ideale è cambiare l'acqua almeno una volta a settimana, ma sarebbe meglio farlo anche due volte. In ogni caso, è bene tenere d'occhio lo stato dell'acqua del pesce, in modo da accertarsi che non sia mai eccessivamente sporca.

Quante ore deve stare acceso il filtro acquario? ›

Le lampade devono funzionare per periodi compresi tra le 5 e le10 ore secondo la presenza di piante finte o vere. E' dunque chiaro che l'unico apparecchio sempre acceso 24 ore al giorno è la pompa, cioè quella che consuma di meno.

Quanto tempo può restare spento il filtro dell'acquario? ›

Re: Filtro spento per più di un giorno

basta che non sia rimasto a secco!!! Quindi se ti riferisci al filtro non dovrebbe essere un problema, se ti riferisci ai pesci che vedono aumentare i nitriti devi dirci tu se stanno bene!!!

Quanto costa un acquario di 30 litri? ›

Quanto costa un Acquario 30 litri

Il prezzo medio di un Acquario 30 litri è pari a 92,23 €.

Cosa mettere in un acquario di 30 litri? ›

Una buona regola è quella di prevedere 1-2 litri d'acqua per ogni pesce. Ciò significa che una vasca da 30 litri può ospitare comodamente 15-20 tetra neon.

Quanti pesci rossi in un acquario di 30 litri? ›

Una media di 10-20 pesci per metro quadrato che possono corrispondere a un carassio ogni 40-200 litri d'acqua.

Quanta acqua mettere in un acquario? ›

La regola generale è questa: più piccolo è l'acquario e più pesci vivono al suo interno, maggiore sarà la frequenza di ricambio di una parte dell'acqua. In termini di quantità, invece, è consigliato sostituire circa il 30% (un terzo) del volume della vasca.

Quanto costa un acquario da 20 litri? ›

Confronta 16 offerte per Acquario 20 Lt a partire da 22,00 €

Che pesci mettere in un acquario da 15 litri? ›

In una vasca di quelle dimensioni puoi giusto inserire delle caridine... oppure sfruttarla come vasca di crescita x gli avannotti ;-) Se proprio sei indeciso ti consiglio i tritoni (anfibi) solo 2 pero' visto i litri.

Cosa mettere in un acquario piccolo? ›

3) Allestire e maturare l'acquario con calma, scegliendo piante e animali idonei. Gli abitanti ideali di un nano acquario sono i gamberetti, granchi e chiocciole acquatiche. Per chi preferisce i pesci, è opportuno scegliere i modelli di maggiori dimensioni (30-60 litri).

Quante caridine in 15 litri? ›

Io direi che è meglio non andare oltre i 6 individui adulti. Altrimenti rischi che la vasca vada in sovrappopolazione in breve tempo.

Quanti pesci in 4 litri di acqua? ›

Generalmente, le persone per la prima volta seguono la stima secondo cui ogni pesce richiede 1 gallone d'acqua per pollice di lunghezza del corpo del pesce. Tradotto in altre unità, ciò significherebbe che ogni esemplare ha bisogno di 4 litri di volume d'acqua nell'acquario per ogni 2,5 centimetri del suo corpo.

Quanto resistono i pesci senza ossigeno? ›

Gli esseri umani, così come la maggior parte dei vertebrati, muoiono nel giro di pochi minuti in assenza di ossigeno. A quanto pare però, i pesci rossi e il loro parente, il carassio, riescono a sopravvivere giorni, e addirittura mesi, in acque senza ossigeno, ad esempio negli stagni con la superficie ghiacciata.

Quanto vivono i pesci neon? ›

Il pesce neon vive circa 10 anni quando si trova in libertà, quando invece viene allevato in cattività spesso non supera i 5-6 anni di vita a causa dello stress generatogli dall'acquario.

Quanti pesci rossi in un acquario di 60 litri? ›

almeno 80-100 (netti ovviamente) per le specie tipo oranda o black moor.

Cosa servono i cannolicchi in un acquario di acqua dolce? ›

Cosa sono i cannolicchi dell'acquario? I cannolicchi utilizzati nel filtro degli acquari sono dei supporti porosi normalmente in ceramica il cui scopo è ospitare colonie di batteri all'interno dei propri microscopici interstizi.

Quanto durano i cannolicchi per acquario? ›

spugne e cannolicchi vanno puliti almeno una volta ogni 2 settimane... dipende da quanti pesci ci sono dentro l'acquario...io ne ho solo uno...per pulire tutto meglio svuotare e ripulire fino in fondo dall'interno....un consiglio spassionato...

Perché i pesci stanno vicino al filtro? ›

Pesce sempre vicino al filtro

Probabilmente sei in pieno picco dei nitriti, causato dalla maturazione del filtro. Come dice BollaPaciuli, sposta subito i pesci in una vaschetta con acqua nuova ma che abbia stessa durezza e temperatura dell'acquario, e tienili lì finché non i nitriti non sono tornati a zero.

Come mettere il Pothos in acquario? ›

Il suo utilizzo in vasca è davvero semplice: stacca un ramo di pothos dalla pianta madre e inserisci il ramo in acquario facendo attenzione ad inserire solo il rizoma e non le foglie. Per ancorare la pianta e far sì che non fluttui, puoi aiutarti in molti modi: ventose, filo da pesca, persino scotch a bordo vasca.

Come mantenere le piante in acquario? ›

Fornisci luce adeguata.

Le piante d'acquario, come tutte le altre, hanno bisogno di luce per la fotosintesi. Verifica la quantità di luce necessaria per le piante che sceglierai, molte ne richiedono davvero tanta.

Come creare un prato in acquario? ›

PRATO in ACQUARIO FACILE con Semi di GLOSSOSTIGMA (Big Leaf)

Cosa mettere nel filtro per acquario? ›

Seguendo il flussi dell'acqua, l'ordine di passaggio della stessa attraverso i materiali filtranti è: spugna grossa, spugna media, spugna fine, lana filtrante, carbone attivo, altri materiali filtranti come resine, torba o zeolite, e per ultimo il materiale filtrante biologico come cannolicchi, bioballs o altro.

Quanto costa mantenere un acquario? ›

Di solito una vasca di dimensioni medie (da 50 a 200 L) completa di accessori, non supera i 100 euro. Per quanto riguarda le spese vive mensili da sostenere, inerenti ai cambi di materiali filtranti, biocondizionatori, fertilizzanti e mangimi vari, i costi possono variare da 10 a 30 euro circa.

Come si decora un acquario? ›

Usa la ghiaia come decorazione.

Si possono acquistare sacchettini di apposite pietre multicolore da disporre sul fondo dell'acquario. Piacciono ai pesci ed è possibile abbinare il colore a quello della ghiaia o della stanza. Si trovano in numerose forme, come crocette, conchiglie, anellini, sferette e altre ancora.

Cosa si può fare con un vecchio acquario? ›

Ogni parte dell'acquario si potrà riciclare trovando un nuovo impiego nella costruzione della piccola serra. Gli acquari sono costituiti da un box in vetro con base e coperchio plastico. Il coperchio, solitamente, integra una serie di luci, ottime per illuminare la serra, il terrario o il paludario.

Quanta acqua dare al Pothos? ›

Innaffiature e umidità

ogni 3-5 giorni in estate, ogni 8-10 giorni in inverno. Prima di innaffiare, meglio tastare il terriccio con le dita per verificare il livello di umidità. Dopo mezz'ora dall'innaffiatura, svuotate il sottovaso se c'è ancora acqua.

Come mettere Bamboo in acquario? ›

Per una corretta coltivazione in acquario questa pianta deve essere posizionata in posizione verticale, con le sue foglie poste fuori dall'acqua, quindi adatta ad una vasca sprovvista di coperchio.

Come cambiare l'acqua alle piante acquatiche? ›

Vi consigliamo di cambiare almeno metà dell'acqua. I piccoli contenitori possono essere posizionati direttamente nel lavandino al di sotto del rubinetto. Abbiate cura di non aprire l'acqua troppo forte per non scalzare le piante. Eventuali particelle in sospensione si andranno poi a depositare sul fondo.

Come usare il muschio in acquario? ›

Muschio di GIAVA : Scheda e Consigli Utili - YouTube

Videos

1. Le 10 piante per acquario più facili in assoluto per i principianti🌿 #acquario#piante#aquarium#plant
(Ryukin)
2. NUOVO ACQUARIO - le scelte importanti da fare prima dell'acquisto
(Verde Vivo)
3. Come SCEGLIERE i PESCI per il tuo acquario 🐠
(ElenaStardust)
4. Piante per acquario: quali scegliere?
(L' Arca di Zin Fabio)
5. Top 10 Acquari dolci ben fatti 🐠
(Paolo Piediscalzi - ᐯIᗪᙓO ᗩᙅᑫᙀᗩᖇI -)
6. TOP 5 Piante Galleggianti per Acquario
(AcquaSaur)
Top Articles
Latest Posts
Article information

Author: Arielle Torp

Last Updated: 03/08/2023

Views: 6264

Rating: 4 / 5 (61 voted)

Reviews: 92% of readers found this page helpful

Author information

Name: Arielle Torp

Birthday: 1997-09-20

Address: 87313 Erdman Vista, North Dustinborough, WA 37563

Phone: +97216742823598

Job: Central Technology Officer

Hobby: Taekwondo, Macrame, Foreign language learning, Kite flying, Cooking, Skiing, Computer programming

Introduction: My name is Arielle Torp, I am a comfortable, kind, zealous, lovely, jolly, colorful, adventurous person who loves writing and wants to share my knowledge and understanding with you.